Procedimenti disciplinari

Procedimenti disciplinari

Il procedimento disciplinare rappresenta una fase delicata nella gestione del rapporto di lavoro dipendente, regolata in modo specifico dalla legge e dai contratti collettivi nazionali. 

Che cosa è un procedimento disciplinare?

Un procedimento disciplinare viene avviato a seguito di una violazione commessa dal lavoratore. In particolare, esso costituisce l’esercizio del potere disciplinare attribuito al datore di lavoro dall’art. 2106 cc, in base al quale l’inosservanza da parte del lavoratore degli obblighi derivanti dal rapporto di lavoro può generare l’applicazione di sanzioni disciplinari. 

Il procedimento per esercitare tale potere è oggi regolamentato dall’art. 7 della Legge 300/1970 (“Statuto dei lavoratori”) e dai CCNL.

Quante sono le fasi di un procedimento disciplinare?

Le fasi di un procedimento disciplinare sono essenzialmente tre: contestazione del fatto, difesa del lavoratore, irrogazione dell’eventuale sanzione. 

Caratteristiche e tempi di ciascuna fase sono regolati dalla legge e dal contratto collettivo applicato dal datore di lavoro.

Quali possono essere i provvedimenti disciplinari?

Le sanzioni elencate dall’art. 7 della Legge 300/1970 sono il richiamo verbale, il richiamo scritto, la multa fino a 4 ore della retribuzione, la sospensione dal servizio e dalla retribuzione fino a 10 giorni, il licenziamento. La sanzione deve essere proporzionata rispetto al fatto commesso e, ai fini della recidiva, non si può tener conto delle sanzioni disciplinari decorso un certo periodo dalla loro adozione.

Come si conclude il procedimento disciplinare?

Il procedimento disciplinare si conclude con l’accoglimento della difesa del lavoratore oppure con l’irrogazione della sanzione nei suoi confronti. Queste, in particolare, vengono applicate decorso il termine posto a garanzia della difesa del lavoratore o in caso le sue giustificazioni non vengano accolte.

Cosa possiamo fare:

  • consulenza in merito alla possibilità di avviare un procedimento disciplinare ai sensi dell’art. 7 della Legge 300/1970;

 

  • predisposizione della lettera di contestazione e della successiva di adozione del provvedimento in conformità alle disposizioni di legge e di contratto collettivo ovvero di archiviazione del procedimento disciplinare;

 

  • assistenza e partecipazione, anche in qualità di arbitro, alla conciliazione innanzi al collegio ex art. 7 L. n. 300/1970 istituito presso l’Ispettorato Territoriale del Lavoro competente in ipotesi di impugnazione stragiudiziale del provvedimento disciplinare adottato.
Procedimenti disciplinari

Vuoi sapere di più sui nostri servizi
e parlare con nostro consulente?

Contattaci

News correlate

Osservatorio

Restituzione Naspi anticipata, la Consulta si esprime sull’incostituzionalità della norma

6 Giugno 2024

Con sentenza n. 90 depositata il 20 maggio 2024, la Corte Costituzionale si è espressa nuovamente – e per la quarta volta nel solo anno corrente ...

Leggi di più
Osservatorio

“Bonus giovani”: il nuovo esonero under 35

23 Maggio 2024

È entrato in vigore l’8 maggio 2024 il Decreto-legge n. 60/2024, c.d. “Decreto Coesione”, che introduce importanti novità in tema di aiuti all’autoimprenditorialità ed ...

Leggi di più
Osservatorio

Tassazione dei telelavoratori transfrontalieri a livello mondiale: il parere del Comitato economico e sociale europeo 

21 Maggio 2024

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale UE, serie C, il 23 aprile 2024, il parere del Comitato economico e sociale europeo (Cese), C/2024/2479 analizza l’attuale quadro ...

Leggi di più
Osservatorio

Elevazione dell’indennità di congedo parentale all’80% 2024: l’INPS fornisce istruzioni operative   

21 Maggio 2024

L’INPS, con la circolare n. 57 datata 18 aprile 2024, ha diramato le istruzioni operative utili alla corretta gestione delle nuove regole sul congedo parentale ...

Leggi di più
Osservatorio

Ingresso in Italia di personale altamente qualificato: novità e semplificazioni per le imprese e i lavoratori (Norme e Tributi Plus Diritto – Il Sole 24 Ore, 14 maggio 2024 – Valentino Biasi, Andrea Di Nino, Giorgia Tosoni)

14 Maggio 2024

Per i titolari di “Carta Blu UE” l’attività lavorativa potrà iniziare da subito anche in assenza del “contratto di soggiorno” – Tra le novità ...

Leggi di più
Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter
per rimanere sempre aggiornato

Contatti

Contattaci per avere maggiori informazioni

Lavora con noi

Siamo sempre alla ricerca di nuovi talenti da inserire nel nostro team di professionisti

In HR Capital perseguiamo lo sviluppo e la condivisione della conoscenza, investendo da sempre in formazione e innovazione tecnologica.
Se cerchi una società in cui valorizzare il tuo talento, inviaci il tuo CV.

Scopri le soluzioni HR
pensate per te