« Indietro
28.042021

Congedo Genitori 2021: i chiarimenti dell’INPS

in INPS

Con la circolare n. 63 dello scorso 14 aprile, l’INPS ha fornito i primi chiarimenti in merito al diritto alla fruizione del congedo introdotto dal decreto legge 30/2021 a favore dei genitori lavoratori del settore privato.

Il congedo, coperto da contribuzione figurativa, è rivolto ai lavoratori con figli conviventi minori di anni 14 o con disabilità grave affetti da Covid o in quarantena da contatto o, eventualmente, con attività didattica in presenza sospesa.

Per i periodi di astensione fruiti è riconosciuta dall’INPS un’indennità pari al 50% della retribuzione.

Il congedo può essere fruito nelle sole ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità agile e in alternativa all’altro genitore convivente, o anche non convivente in caso di figlio con disabilità grave.

Inoltre, per i genitori con figli di età compresa tra i 14 ed i 16 anni, è previsto il diritto di astenersi dal lavoro senza però corresponsione di retribuzione o indennità, né riconoscimento di contribuzione figurativa, con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.