« Indietro
08.092016

Verso un bonus sui premi di risultato da 3-4mila euro

E’ allo studio del Governo l’ipotesi di estendere, nel 2017, il premio di risultato dagli attuali 2mila euro (2.500 in caso di coinvolgimento paritetico dei dipendenti nell’organizzazione del lavoro) a 3-4mila euro, coinvolgendo anche quadri e una fetta della dirigenza non apicale, con l’allargamento del limite di reddito per beneficiare della tassazione agevolata, da 50mila euro, oggi in vigore, a 70-80mila euro lordi annui. L’operazione sarebbe accompagnata da una rivisitazione delle materie oggetto del welfare contrattuale aziendale che oggi beneficiano della completa esenzione fiscale, per restringere il campo essenzialmente a salute, previdenza e istruzione.

(Il Sole 24 Ore, 3 settembre 2016)