« Indietro
29.072010

Rimborsi spesa censiti nel Libro Unico del Lavoro

Il Libro Unico del Lavoro (LUL), istituito con il D.L. 112/08, è operativo da più di un anno, con l’intento di semplificare la gestione del personale, tramite, ad esempio, l’abolizione dei libri paga e matricola.

Il Libro Unico del Lavoro (LUL), istituito con il D.L. 112/08, è operativo da più di un anno, con l’intento di semplificare la gestione del personale, tramite, ad esempio, l’abolizione dei libri paga e matricola. Non è stata tuttavia all’insegna della semplificazione l’annotazione dei rimborsi spese: la legge obbliga infatti ad indicare nel LUL anche i rimborsi spese esenti dal punto di vista contributivo e fiscale, come quelli relativi a spese documentate di vitto e alloggio, viaggio o trasporto, oppure i rimborsi di altre spese, anche non documentabili, sostenute durante una trasferta, che fruiscono dell’esenzione totale fino all’importo giornaliero di 15,49 Euro (elevato a 25,82 Euro per le trasferte all’estero). Tra le dazioni che non soggiacciono all’obbligo di registrazione sul LUL, ci sono le spese sostenute dal lavoratore ma giustificate da documenti intestati direttamente all’azienda, le erogazioni di fondi spese e gli anticipi di cassa.

 

(Fonte Il Sole 24 Ore)