« Indietro
11.052012

Riforma del mercato del lavoro: presentati gli emendamenti della maggioranza al disegno di legge

in Lavoro

Sono stati presentati ieri in Commissione Lavoro al Senato gli emendamenti al Ddl di riforma del mercato del lavoro da parte dei relatori on. Tiziano Treu (PD) e Maurizio Castro (PDL).

Sono stati presentati ieri in Commissione Lavoro al Senato gli emendamenti al Ddl di riforma del mercato del lavoro da parte dei relatori on. Tiziano Treu (PD) e Maurizio Castro (PDL). Gli interventi riguardano la c.d. “flessibilità in entrata” e in particolare i contratti a partita Iva, i contratti di collaborazione a progetto, i contratti a termine e il lavoro a chiamata. Per le partite Iva viene prevista una presunzione di genuinità del rapporto autonomo solo per le partite Iva che hanno un reddito annuo lordo di almeno 18mila euro e con competenze «di grado elevato». Indici rilevatori della subordinazione sono invece una durata della collaborazione superiore agli otto mesi (6 nel Ddl); un corrispettivo superiore dell’80% a quello di dipendenti e co.co.co. (75% nel Ddl); la presenza di una postazione fissa in azienda. Per quanto concerne i co.co.pro, viene individuato un compenso minimo determinato sulla base della media delle tariffe minime dei lavoratori autonomi e della media delle retribuzioni stabilite dai contratti collettivi. Si rafforza l’attuale una tantum per i parasubordinati che perdono il posto di lavoro. Sui contratti a termine le modifiche prevedono che il primo contratto a termine, della durata massima di un anno, possa essere stipulato senza che siano specificati i requisiti per i quali viene richiesto (c.d. “causalone”). Gli intervalli temporali fra contratti a termine diminuiscono rispetto a quanto previsto dal Ddl: fino a 20 e 30 giorni in una serie di situazioni aziendali come l’avvio di una nuova attività o il lancio di un prodotto o servizio innovativo. Infine, quanto al lavoro a chiamata, si prevede che la comunicazione di avvio possa essere inoltrata dal datore di lavoro alla Direzione territoriale del lavoro competente con sms, fax o posta elettronica certificata. In caso di violazione di questi obblighi viene fissata una sanzione tra 400 e 2.400 euro.

(Il Sole 24 ore, 11 maggio 2012, pag. 2)